Associazione Italiana Monociclo  
Home A.I.M. Forum Regionali Eventi e Raduni Mercatino Imparare Iscriviti è Gratis
  Forum     
 

Iscritti
 Utenti: 1284
Ultimo iscritto : Jair
Lista iscritti

I preferiti
Mappa Monociclisti (19048)
Federazione Francese Monociclo (8239)
Associazione Lionese Monociclo (8077)
Latin American Uni-Team (8060)
Unicycling.net (8052)
AldoVarotto Monociclo (8034)
Giocoleria.org (8032)
Unicycling.tk (8026)
CasseRayonsInternational (7922)
UnaRuota.Com (7047)
Puerto Rico (6643)
Federazione Bavarese (in tedesco) (6631)
EUC Extreme Unicycle Championship (6631)
TRIAL- tutti gli spot (6620)
Unicon13 Video (6578)
Juggling e Mono in Udine (6463)
Forum Svizzero di Monociclo (6317)
Juggling Magazine (6288)
UnaRuota.Com (5841)
One Wheel austria (5840)
Associazione Giapponese Monociclo (5753)
www.unicycle.tv (988)

Top - Siti web
MoMoCiclo (Mendrisio) (IT)
Associazione Varese (IT)
Associazione Treviolo (BG) (IT)
UNICON 16 (IT)
Convention Brianzola (IT)
UNICON 15 (IT)
L'albero del Macramè (IT)
UNA_RUOTA_Com (IT)
trialmap (IT)
UNICON 14 (IT)
Portale di AspNuke (IT)
Manuale Sito (IT)

 
Forum Associazione Italiana Monociclo
Forum
  Eventi & Raduni
      Calendario
         !!!! 13-14 Ottobre nazionali MUni Pedavena (BL) !!!

!!!! 13-14 Ottobre nazionali MUni Pedavena (BL) !!!
Autore Messaggio
jacopomuni


126 Discussioni



Profilo - jacopomuni
14 luglio 2012 alle 11:35:45 Profilo - jacopomuniInvia un messaggio privato Rispondi quotando

Attenzione, il fine settimana non è più il primo di ottobre, ma il secondo, cioè i giorni 13 e 14 ottobre!

Sempre a Pedavena
Sempre molta gente
Sempre bello

Più info più avanti!

jacopo


---------------

  A.s.d. Dolomiti Unicyclist 

http://dolomitiunicyclist.com/

jacopomuni


126 Discussioni



Profilo - jacopomuni
01 agosto 2012 alle 17:04:47 Profilo - jacopomuniInvia un messaggio privato Rispondi quotando

Data la presenza di diversi punti di vista che non arrivano a un capo, per evitare lo scontro diretto, che non porterebbe nulla di buono ma soltanto scissioni inutili, e per continuare a collaborare pacificamente e serenamente con l'unico scopo quello di portare avanti le varie sfaccettature del monociclo, noi, organizzatori di Belluniciclo, abbiamo deciso di tener fuori dal campionato nazionale MUni il raduno di Pedavena.

Il raduno non subirà variazioni logistiche, semplicemente il risultato delle gare non avrà valore per il titolo di campione nazionale MUni.

Jacopo Cassol presidente a.s.d. Dolomiti Unicyclist


---------------

  A.s.d. Dolomiti Unicyclist 

http://dolomitiunicyclist.com/

Marco

Responsabile Forum


2391 Discussioni



Profilo - Marco
01 agosto 2012 alle 17:56:54 Profilo - MarcoInvia un messaggio privato Rispondi quotando

Per essere chiari il punto fondamentale su cui non siamo d'accordo è sostanzialmente su un argomento.

Jacopo e Dolomiti Unicyclist ritengono che a un campionato Italiano riconosciuto dall'Associazione Italiana Monociclo si debba poter partecipare senza essere soci della stessa (AIM)

Stiamo parlando di 10 euro a testa se l'associazione viene fatta singolarmente e di 5 euro a socio se l'associazione viene fatta dall'associazione o gruppo di appartenenza.


---------------
http://www.unaruota.com 
http://www.mad4one.com
da monociclisti per monociclisti!
Ruben


35 Discussioni



Profilo - Ruben
01 agosto 2012 alle 18:37:26 Profilo - RubenInvia un messaggio privato rubrnlo@gmail.com Rispondi quotando

Il concetto di base secondo me si può semplicemente risolvere inserendo Belluniciclo tra le gare del campionato, naturalmente alla singola gara può partecipare chi vuole, mentre per il risultato del campionato è obbligatoria l'iscrizione.

Questo succede comunemente nelle gare di mountain bike o competizioni podistiche.

Ritengo però doveroso, al di la dei 5,10 o 50 euro che venga spiegato bene il senso economico del tesseramento,  perché per molti risulta un contributo a fondo perduto senza una funzione pratica riscontrabile.

Ruben A.s.d. Dolomiti Unicyclist


---------------

Ciao Ruben

Marco

Responsabile Forum


2391 Discussioni



Profilo - Marco
01 agosto 2012 alle 18:56:02 Profilo - MarcoInvia un messaggio privato Rispondi quotando
Modificato il 01 agosto 2012 alle 18:58:30

Il senso è quello di appartenenza a una associazione o comunità.

Scusatemi ma questi argomenti commerciali per cui compero se ho una convenienza in questo caso non funzionano.

L'associazione è e deve essere di tutti se non la vogliamo basta dirlo.

Il discorso è elementare e personalmente inizio a pensare che l'associazione nazionale sia solo una perdita di tempo.


---------------

http://www.unaruota.com 
http://www.mad4one.com
da monociclisti per monociclisti!
f3d3


347 Discussioni



Profilo - f3d3
01 agosto 2012 alle 19:38:42 Profilo - f3d3Invia un messaggio privato Rispondi quotando
Marco mi ha preceduto, ma mi sento comunque di dire la mia opinione

Tutti (facciamo finta che sia vero) vogliono sentirsi parte dell'associazione ma nessuno vuole fare un piccolo sacrificio (parliamo di 5-10 euro!). Qual'è il senso di un'associazione - e soprattutto di un'associazione Italiana?

Io credo sia lo stare uniti, sentirsi parte tutti di qualcosa di grande, di un gruppo, di una comunità. E non solo sentirsi parte dell'associazione, ma ESSERE l'associazione. Associazione che NON è di Marco ma è di tutti, ma forse questo ormai sembra solo a me. Nessuno vuole contribuire, nè economicamente (ripeto, parliamo di cifre insignificanti) nè dal punto di vista pratico. Ognuno vuole il suo gruppo e l'AIM sembra non esistere nemmeno. 

E lo si è visto anche a Unicon - e non entro nei dettagli.

Allora che senso ha oggi avere ancora un'associazione? Se la maggioranza dei monociclisti italiani non si sente più di riconoscersi nell'Associazione Italiana Monociclo penso che ormai sia inutile che tale associazione esista ancora.

Ci si lamenta tanto di spiriti secessionistici nordico-padani, non guardando però se stessi.

E comunque... vogliamo paragonare l'AIM a associazioni di nuoto, calcio, basket ecc... ? Io sento quote di iscrizione di 15 euro al trimestre, qui vedo 10 euro annui... ma qual'è il vero problema? Forse che l'AIM è troppo generosa :-) 
---------------

Youtube

+ 78 discussioni!

Ruben


35 Discussioni



Profilo - Ruben
01 agosto 2012 alle 22:13:11 Profilo - RubenInvia un messaggio privato rubrnlo@gmail.com Rispondi quotando
Modificato il 01 agosto 2012 alle 22:43:50

... e quindi i miei amici "non tesserati" possono partecipare o no? e gli amici di Jacopo possono partecipare o no? e David Weichenberger può partecpare?!??! perchè è di questo che si discute... non del sesso degli angeli!

l'associazione deve essere punto di riferimento per tutti i tesserati, ma anche punto di accoglienza per tutti i monociclisti tesserati e non.


---------------

Ciao Ruben

metrix76


243 Discussioni



Profilo - metrix76
01 agosto 2012 alle 23:25:36 Profilo - metrix76Invia un messaggio privato Rispondi quotando
Io penso che obbligare ad iscriversi sia controproducente, come scrive ruben, la gara dovrebbe essere aperta a tutti, ma chi è iscritto partecipa al campionato.
Immagino, marco, che per te che che ti dedichi anima e corpo, sia avvilente vedere chi si "aggrega" senza l'impegno del gruppo, ma potrebbe essere un modo per stimolare a farne parte...
Comunque a voi l'ardua sentenza, io ci sarò in ogni caso!

Ciao
Metis

---------------

Dal 2011 - IUF skill level: 3
Crivit 20" (mitico LIDL)
Koxx one 19" Trial
Nimbus 24" Muni
Nimbus 36" Night Rider
Yaabaa 16"
 

robferrara


4 Discussioni



Profilo - robferrara
02 agosto 2012 alle 00:09:38 Profilo - robferraraInvia un messaggio privato Rispondi quotando

Nel rispetto della decisione di Jacopo e degli organizzatori di Belluniciclo che giustamente non vorrebbero scissioni inutili, aggiungo:

stiamo scrivendo, ci consultiamo, ci organizziamo su questo sito e in alto c' è scritto "ASSOCIAZIONE ITALIANA MONOCICLO" a me basta questo !

Sono Italiano, mi piace il monociclo , è scontato che mi associ ! Un Italiano non dovrebbe aver dubbi .

Certo che gruppi o singoli che qui non scrivono forse faticano a sentirsi facenti parte . Mi auguro che dopo UNICON 16 , che in fondo ci ha visto Italiani contro il resto del mondo , tutti si sentano facenti parte di A.I.M.. 

Se cosi' non fosse non vedrei un gran futuro. Mi associo ad un punto espresso da Ruben :

 "  Il concetto di base secondo me si può semplicemente risolvere inserendo Belluniciclo tra le gare del campionato,
naturalmente alla singola gara può partecipare chi vuole, mentre per il risultato del campionato è obbligatoria l'iscrizione".

Anch'io ci sarò validità del campionato o meno !

p.s. a mio avviso amici di altre nazionalità dovrebbero essere i benvenuti, come è già successo.

ciao Roberto


---------------

Monociclista dal 21/08/10 😎

Più 1500 discussioni ;)

Marco

Responsabile Forum


2391 Discussioni



Profilo - Marco
02 agosto 2012 alle 08:41:06 Profilo - MarcoInvia un messaggio privato Rispondi quotando

Ogni idea e posizione è degna di rispetto però vi devo dire che dopo anni di impegno non trovarsi d'accordo neanche sul concetto se ci si deve iscrivere o no è demoralizzante.

Solo mantenere questo sito ha un costo, tutti sono i benvenuti e tutti possono dire la loro, però il vedere tante persone che invece di dire ecco i miei 10 eur perchè apprezzo il servizio e il lavoro che state facendo dicono di vedere l'iscrizione come un balzello di cui non capiscono il significato mi lascia con un brutto sapore in bocca.

Personalmente non sono ricco e arrivo a fine mese come tanti facendo i conti su cosa posso e cosa non posso spendere, però mi piace fare bene il mio lavoro e ci metto l'anima e tutto quello che posso.

Mi sono sempre messo a disposizione per portare a mie spese ai diversi EUC chiunque volesse venire e da due anni porto chiunque me lo chieda a Nidau una volta al mese.

Cosa chiedo in cambio? Impegno e voglia di fare, di imparare, di migliorare.

Bonza e Medi sono due esempi di chi ha saputo cogliere queste opportunità e grazie alla loro tenacia e voglia di migliorare sono oggi tra i migliori in europa.

Quando organizzo qualche evento cerco sempre di portare qualcuno che possa essere di insegnamento e di stimolo e gli eventi che organizzo hanno sempre dei costi che non coprono ne le spese ne il lavoro svolto. 

Nei prossimi mesi si dovranno rinnovare le cariche del consiglio direttivo dell'AIM e sarebbe bello se qualcuno avesse voglia di fare delle proposte, personalmente sono molto combattuto e mi chiedo se non sia meglio concentrarmi sulle cose e persone che hanno voglia di fare qualcosa insieme piuttosto che sprecare energie e denari che spesso sembrano buttati al vento.

Sul discorso partecipare o no senza tessera il consiglio (io sono solo una voce di 7) dall'inizio di quest'anno ha deciso che non si può partecipare se non si è in regola con la quota sociale.

Unicon costava caro come iscrizione e poi si doveva essere in regola anche con la quota IUF ma non ho sentito tanti discorsi o lamentele, semplicemente chi voleva partecipare ha pagato e chi non voleve pagare non ha partecipato.

Per il futuro non ho proprio idea di quale sia la cosa giusta da fare, ma la tentazione di fare solo le cose che mi danno soddisfazione è alta.


---------------

http://www.unaruota.com 
http://www.mad4one.com
da monociclisti per monociclisti!
berghouse

Amministratore


705 Discussioni



Profilo - berghouse
02 agosto 2012 alle 14:41:40 Profilo - berghouseInvia un messaggio privato Rispondi quotando
Modificato il 02 agosto 2012 alle 15:08:31

<_div>Non partecipo a gare non vado a UNICON e sopratutto NON SONO UN FENOMENO, ma sono fiero di far parte dell'AIM.
Marco grazie per tutto quello che fai, poi chi ci sta bene chi non ci sta e polemizza probabilmente è solo geloso.
10 euro = gelato per quattro dei sei componenti della mia famiglia, allora cosa faccio?
Faccio il brillante ne spendo ancora 5 e insieme mangiamo un gelato e ci sentiamo felici e UNITI in Famiglia.
Questo mi ripaga del sacrificio economico. Non sono un imprenditore manco io.
Forse sto invecchiando scusatemi.
berghouse

---------------
Ciò che i giovinastri con i mono non osano,
i VIM già l'han fatto!!!

jacopomuni


126 Discussioni



Profilo - jacopomuni
02 agosto 2012 alle 21:10:36 Profilo - jacopomuniInvia un messaggio privato Rispondi quotando

"Ogni idea e posizione è degna di rispetto [...]"

Detta questa frase mi sembrano scorretti gli accanimenti successivi.

Alcuni interventi possono risultare offensivi nei miei confronti e questo non lo trovo per nulla giusto. Se siamo persone adulte accogliamo le idee diverse, le contestiamo, ne discutiamo, ma senza entrare nel personale (troppi i commenti che dicono che non ho mai fatto nulla per il monociclo, che sono geloso, secessionista etc.). Va bene tutto però occhio a ciò che scrivete, le persone sono persone e con rispetto vanno trattate. A me non sembra di aver mai mancato di rispetto a nessuno qua dentro!

Marco il discorso era stato affrontato già molte altre volte, sai come la pensiamo e cosa chiediamo, non mi è piaciuto questo sminuire il punto del problema in questo modo.

Qua non parlo a nome di Dolomiti unicyclist ma a nome di Jacopo Cassol, persona e monociclista italiano.

Ciao a tutti
A Presto!! 


---------------

  A.s.d. Dolomiti Unicyclist 

http://dolomitiunicyclist.com/

f3d3


347 Discussioni



Profilo - f3d3
02 agosto 2012 alle 21:23:04 Profilo - f3d3Invia un messaggio privato Rispondi quotando
Originariamente inviato da jacopomuni:

"Ogni idea e posizione è degna di rispetto [...]"

Detta questa frase mi sembrano scorretti gli accanimenti successivi.

Alcuni interventi possono risultare offensivi nei miei confronti e questo non lo trovo per nulla giusto. Se siamo persone adulte accogliamo le idee diverse, le contestiamo, ne discutiamo, ma senza entrare nel personale (troppi i commenti che dicono che non ho mai fatto nulla per il monociclo, che sono geloso, secessionista etc.). Va bene tutto però occhio a ciò che scrivete, le persone sono persone e con rispetto vanno trattate. A me non sembra di aver mai mancato di rispetto a nessuno qua dentro!

Marco il discorso era stato affrontato già molte altre volte, sai come la pensiamo e cosa chiediamo, non mi è piaciuto questo sminuire il punto del problema in questo modo.

Qua non parlo a nome di Dolomiti unicyclist ma a nome di Jacopo Cassol, persona e monociclista italiano.

Ciao a tutti
A Presto!! 

Solo per puntualizzare, non ti ho mica dato del secessionista! Semplicemente dico che l'associazione italiana monociclo è già piccola di per sè, inutili contestazioni e diattribe non servono a altro che creare malumori e risentimenti e alla "frammentazione" dell'associazione. E comunque non mi sembra che nessuno ti abbia mancato di rispetto, ognuno ha esposto il proprio punto di vista.

Detto ciò, ci si vede a Pedavena. ;)

Pace!
---------------

Youtube

+ 78 discussioni!

free


5 Discussioni



Profilo - free
02 agosto 2012 alle 22:04:21 Profilo - freeInvia un messaggio privato Rispondi quotando
Scrivo pure io , più per senso di partecipazione che per altro.
Scrivo senza aver ben capito quali siano i punti di vista , credo non si fermino al semplice: si tessera o no tessera. Penso che il secessionismo aditato contro i bellunesi non sia altro che la voglia di avere più gente possibile.
Detto questo penso che la cosa sia semplice: se siamo un associazione diamo  voce a essa , un socio un voto.
Io voto per tessera si ,  nella speranza che il movimento cresca e diventi grande

P.S. Marco stai sereno ,sei bravo e tutti ti vogliono bene ma ricorda che se al sacrificio ti muove una voglia personale, vai avanti. Altrimenti avanti un altro.
bafiet


0 Discussione



Profilo - bafiet
03 agosto 2012 alle 02:22:20 Profilo - bafietInvia un messaggio privato Rispondi quotando
Ho l'impressione che la discussione stia prendendo una piega che nessuno di noi auspica. Pertanto mi permetto di fare un po' di riassunto e di guardare un po' avanti...

RIASSUNTO DEI FATTI
Noi organizzatori di Belluniciclo volevamo evitare un problema riscontrato l'anno scorso quando parecchie persone si erano lamentate del fatto che per iscriversi a Belluniciclo fosse necessario pagare il tesseramento all'AIM. Pertanto abbiamo avanzato alcune proposte:
1. tenere divise le iscrizioni a Belluniciclo e al campionato italiano Muni
2. versare una somma forfettaria all'AIM per l'aiuto organizzativo e per aver messo a disposizione della comunità monociclistica italiana un sito e un forum che sono punti di riferimento per tutti noi. Tale somma sarebbe stata versata dalla Dolomiti Unicyclist e non da ciascun partecipante
3. obbligare tutti i partecipanti a Belluniciclo all'iscrizione all'AIM chiedendo in cambio all'AIM l'assicurazione per tutti gli iscritti.

Semplicemente queste proposte non sono state ritenute valide dall'AIM. Allo stesso modo noi non abbiamo ritenuto opportuno accettare le condizioni poste in essere dall'AIM.

Non riuscendo a raggiungere un accordo soddisfacente per tutti e mancando pochi mesi all'evento abbiamo scelto di  uscire dal campionato italiano Muni.
Come già espressamente detto questa NON VUOLE ESSERE UNA DECISIONE FORIERA DI ROTTURE INSANABILI. Per quest'anno andrà così, cercheremo tutti assieme e con la massima serenità e serietà di trovare per il prossimo anno un punto di raccordo. Da parte nostra vi è l'interesse e la volontà di sedersi attorno ad un tavolo, valutare la situazione e cercare il giusto compromesso. Il Campionato Italiano Muni deve essere un'opportunità e una festa per tutti!

E ORA GUARDIAMO AVANTI
Propongo di lasciare da parte risentimenti e frecciatine incrociate. Sicuramente da questo forum potrebbero uscire proposte interessanti e costruttive sia per quanto riguarda i rapporti tra AIM e associazioni locali sia per quanto riguarda i raduni italiani... Abbiamo tempo tutto l'inverno per discutere. Ora pensiamo a pedalare, pensiamo a Gurro, a Belluniciclo e agli altri ritrovi.

E io ri-parto proprio da qui....
Se avete idee o proposte per Belluniciclo fatevi avanti! Cosa dite... rifacciamo anche quest'anno la salMUNI race?
Intanto vi anticicpo che quest'anno molto probabilmente niente uphill ma... cross-country....

FABIO
(un sincero grazie a chi ci mette a disposizione questo sito per radunarci ogni giorno, a chi scrive e si confronta, un grazie altrettanto sincero a chi organizza i vari raduni e un ultimo grazie a chi fa km su km per partecipare agli eventi... siamo forti, tutti!)
Marco

Responsabile Forum


2391 Discussioni



Profilo - Marco
03 agosto 2012 alle 10:03:33 Profilo - MarcoInvia un messaggio privato Rispondi quotando

Che dire il riassunto di Fabio è veritiero anche se trovo assolutamente assente il discorso Appartenenza e ruolo dell' Associazione Italiana Monociclo.

Il discorso che abbiamo cercato di spiegare più volte a Fabio, agli amici di Unicyclist Dolomiti e a chiunque ce lo ha chiesto parte dal ruolo dell'Associazione Italiana e da cosa riesce a fare e cosa non riesce a fare.

L'AIM è nata per promuovere lo "sport del monociclo" in Italia e per fare questo cerca di coordinare le varie attività locali mettendo a disposizione know-how e risorse (scarsissime) per promuovere le varie attività locali.

Da subito abbiamo affrontato il discorso assicurativo e organizzativo anche se devo dire con poca partecipazione e interesse da parte di quasi tutti.

Dal punto di vista organizzativo, e intendo organizzazione di eventi, esiste un problema tecnico di non poco conto, il presidente dell’organismo organizzatore è il responsabile penale e civile dell’evento stesso.

Personalmente sono a disposizione per avere la responsabilità di ciò che faccio io ma questo vorrebbe dire che qualunque evento organizzato dall’AIM dovrebbe vedermi coinvolto in prima persona con l’onere e il privilegio di dover prendere in prima persona tutte le decisioni importanti relative ad ogni evento.

Questo mi è apparso subito impossibile per via del mio tempo disponibile che non è mai stato a capacità infinita ma anche dal punto di vista dell’apertura alle iniziative di ognuno la mia presenza avrebbe comunque condizionato scelte e impostazioni con un impoverimento della pluralità di idee e azioni in cui invece credo molto.

Per quanto riguarda il discorso assicurativo è importante sapere che sotto alla parola ultra generica “assicurazione” ci sono molte sfaccettature e aspetti diversi che vanno presi in considerazione.

Una assicurazione non è nulla se prima non si è letto interamente la normativa della polizza che ci assicura.

Dal nostro punto di vista ci sono due aspetti fondamentali che ci interessa assicurare che sono molto diversi tra loro anche se spesso riuniti in una stessa polizza.

Noi prima di tutto ci assicuriamo per essere tutelati nel caso accidentale che noi si faccia un danno ad un’altra persona, questo tipo di assicurazione si chiama “responsabilità civile” ed è ad esempio il concetto base per cui se vogliamo usare l’auto dobbiamo assicurare i danni che potremmo causare.

Poi si possono assicurare entro certi limiti i danni che ogni individuo può subire e se parliamo di danni fisici questo tipo di assicurazione si chiama polizza infortuni, ovvero ci si assicura nel caso si subisca un danno fisico causato da un evento accidentale traumatico.

Questa distinzione tra Responsabilità Civile verso Terzi (RCT) e Infortuni personali è molto importante e deve essere analizzata distintamente.

Chiunque organizza un evento sportivo o ricreativo che presuppone la presenza di pubblico è responsabile in ultima istanza di cosa accade nell’ambito dell’evento.

Naturalmente abbiamo già visto che il responsabile è il presidente, questo va visto sotto molti aspetti e il più evidente ma meno “pericoloso” è quello di danni a un atleta durante la gara, in questo caso l’atleta partecipa consapevole dei rischi e di solito solleva l’organizzazione da eventuali responsabilità, salvo colpa grave dell’organizzazione.

Però ci sono tutti i danni a terzi non concorrenti che possono verificarsi nell’ambito della manifestazione e in questo includo anche la possibilità che uno spettatore possa danneggiare un altro spettatore.

In questo caso la prima responsabilità è sempre di chi arreca il danno ma il presidente dell’ente organizzatore può sempre essere chiamato a rispondere anche lui.

Questa è l’assicurazione più importante per chiunque organizzi qualcosa e nel caso delle associazioni sportive è compresa nella quota annuale di affiliazione all’ente di promozione sportiva o federazione.

All’interno di questa assicurazione c’è anche la copertura di danni fatti da atleti soci durante lo svolgimento dell’attività sportiva.

Il pagamento della quota sociale da parte di un socio da quindi diritto alla copertura assicurativa RCT, nella quota c’è poi anche una seconda assicurazione più personale che prevede dei risarcimenti in caso di danni fisici causati dall’attività sportiva.

Questa polizza infortuni è operativa con dei massimali molto bassi e prevede il risarcimento nella percentuale del danno subito, ovvero se il mio massimale è di 50.000 eur e mi faccio male per cui dopo essere guarito viene accertato che ho un deficit funzionale ad esempio del 10% mi sarà riconosciuto un risarcimento del 10% (ovvero 5.000).

Vorrei far notare che i massimali standard sono spesso bassissimi e le varie organizzazioni consapevoli di questo offrono la possibilità di aumentarli aumentando la quota pagata.

Ora veniamo a noi, a mio avviso sarebbe interessante che l’AIM potesse offrire a tutte le associazioni che volessero affiliarsi la copertura assicurativa che ho descritto, però non siamo ne un Ente di Promozione Sportiva (UISP – CSEN – CSI ecc ) ne una federazione sportiva per cui potremmo cercare privatamente una compagnia interessata a fornire tali coperture ma i numeri che potremmo mettere sul tavolo sono così esigui che non potremmo mai avere delle condizioni paragonabile a quelle offerte dalle grandi organizzazioni (UISP – CSEN – CSI ecc )

Nel 2007 e 2008, dopo attenta analisi e discussione, il consiglio AIM vista l’impossibilità del presidente di essere presente operativamente ad ogni manifestazione che si sarebbe sviluppata e dei costi decisamente poco competitivi che una polizza privata avrebbe comportato, ha deciso di non assumersi in proprio mai l’onere di organizzare una manifestazione e ha demandato a tale compito le varie organizzazioni e/o gruppi che lo avrebbero voluto fare.

In questo modo si è salvata l’autonomia di ognuno, si è lasciato libertà di impresa a chiunque avrebbe voluto provare ad organizzare qualche evento e si è scelto la via assicurativa meno onerosa dando come indicazione a chi volesse di affiliarsi all’ente di promozione sportiva che preferiva, poi nei fatti la UISP si è dimostrata la più economicamente interessante e la meglio organizzata per cui molte nostre associazioni si sono affiliate alla UISP.

L’AIM è rimasto un organismo che definirei “culturale” che ha funzione di coordinamento tra le varie realtà e di promozione e approfondimento dei vari temi motociclistici.

Questo non vuol dire che non ci siano costi e se ci fossero un po’ di risorse l’AIM potrebbe fare delle cose importanti anche lasciando l’autonomia agli organizzatori.

Ad esempio invitare a proprie spese istruttori e campioni, creare un calendario organico di manifestazioni che dovrebbe essere redatto entro la fine dell’anno in modo che tutti possano programmare la propria attività, cercare nuovi posti e nuove realtà dove far nascere delle nuove iniziative ecc.

Il campionato Italiano che sia MUNI Trial o altre specialità a mio avviso è il punto culminante di tutta questa attività dove tutti noi ci ritroviamo per confrontarci e misurarci ma anche per imparare e condividere, però dovremmo essere tutti d’accordo e fieri di essere membri di una organizzazione in cui ci riconosciamo.

Se l’AIM fosse tutto questo potrebbe tranquillamente accettare gli stranieri come ospiti senza chiedere a loro di essere soci o come succede in altri sport chiedendo che siano soci dell’equivalente associazione nazionale.

Il campionato Italiano MUNI 2012 è solo una piccola cosa di poca importanza rispetto al fatto che quest’anno abbiamo il dovere e l’opportunità di eleggere interamente il consiglio direttivo dell’AIM.

Personalmente ho espresso più volte il desiderio di non essere più il presidente e possibilmente neanche nel consiglio però se uno crede nelle proprie idee e in quello che fa non può arrendersi.

Per questo sarò presente in assemblea per discutere e condividere idee e proposte di chiunque, spero che quest’anno si possa avere un’assemblea degna di questo nome.

Sono a disposizione per trovare la data e la location più funzionale ai più ma credo che entro metà settembre dovremmo conoscere luogo e data in modo da dare veramente a tutti la possibilità di partecipare.

Marco

Presidente AIM


---------------

http://www.unaruota.com 
http://www.mad4one.com
da monociclisti per monociclisti!
Marco

Responsabile Forum


2391 Discussioni



Profilo - Marco
03 agosto 2012 alle 20:52:42 Profilo - MarcoInvia un messaggio privato Rispondi quotando

Una precisazione per Free e per chi ci conosce da poco.

L'associazione è aperta a tutti e il discorso una tessera un voto sarebbe alla base di qualunque organismo democratico.

Ma noi da sempre diamo voce e ascolto anche a chi la tessera non ce l'ha e non vuole averla :-)

Questo naturalmente potrebbe essere criticato da chi la tessera ce l'ha e versa il suo contributo contento di farlo.


---------------
http://www.unaruota.com 
http://www.mad4one.com
da monociclisti per monociclisti!

 
Media Partners


Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:

Visitatori
Visitatori Correnti : 36
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti


 
 © AspNuke 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7
Questa pagina è stata eseguita in 0,375secondi.
Versione stampabile Versione stampabile